fbpx
E’ tempo di pianificare gli obiettivi di marketing aziendali per il 2019: 4 accorgimenti da scrivere in agenda
>
>
E’ tempo di pianificare gli obiettivi di marketing aziendali per il 2019: 4 accorgimenti da scrivere in agenda

E’ tempo di pianificare gli obiettivi di marketing aziendali per il 2019: 4 accorgimenti da scrivere in agenda

OBIETTIVI 2019

Cosa accadrà nel 2019? Quali sono i trend che ci porteremo dietro nel nuovo anno?

E’ tempo di pianificare i nostri obiettivi per il 2019 ed è tempo di impostare le nostre strategie. Iniziamo? 

1. Le persone tendono sempre di più a dare fiducia alle aziende che pubblicano contenuti rilevanti e si fidano meno di chi propone solo pubblicità

Secondo Forbes, il trend da tenere in considerazione nel futuro è che le persone tendono a dare maggior fiducia a quei brand che propongono contenuti rilevanti, interessanti, educativi, che intrattengono. 

Se andiamo un attimo indietro, nel lontano 2015, Nielsen pubblicò uno studio, che portò alla luce il fatto che le risorse più efficaci e delle quali ci fidiamo di più nell’advertising sono: le persone che conosciamo, i siti brandizzati, i siti editoriali e le recensioni. 

via GIPHY

L’advertising tradizionale oramai ha perso già da tempo la sua portata e la sua efficacia; l’advertising su social, siti editoriali, social media, è facilmente evitabile dalla maggior parte degli utenti che usano degli ad blocker per non ricevere pubblicità a volte molto invadente mentre stanno navigando. Perciò, la tendenza dei brand più all’avanguardia è quella di spostare il loro budget pubblicitario in content marketing e in influencer marketing

2. Creatività, non conformità 

Sulla scia di quanto detto al punto 1, la creatività inizia ad essere un requisito indispensabile, non solo per essere notati maggiormente, ma più semplicemente per esistere, in un universo letteralmente bombardato da contenuti.

via GIPHY

Un esempio fresco fresco:

Proprio in questi giorni mi sono trovata riflettere sulla creatività di due centri commerciali della mia zona, che in occasione del black Friday hanno si sono pubblicizzati, sia su manifesti stradali che sul web, utilizzando una grafica pressoché identica e un copy banale, ma che più banale non si può.  E qui stiamo parlando di centri commerciali di medie dimensioni, con una grande struttura alle spalle e presumo delle agenzie che si occupino della loro pubblicità.
Quindi, ho iniziato a pensare: questi si sono affidati alla stessa agenzia (o hanno un cuggino in comune). Oppure hanno preso la prima grafica che hanno trovato su internet supponendo che nessun altro dotato della loro stessa fantasia non lo avrebbe fatto. Quando la fantasia non li aiutava proprio più hanno ben pensato di scrivere come frase ad effetto: “Vieni da noi che il blec fraidei lo facciamo” (cavolo, ho fatto un copy più accattivante del loro). Un’altra ipotesi: uno ha copiato l’altro. Altra ipotesi ancora: hanno la segretaria che parla con la tipografia. che gli fa il manifesto, che rimanda il file alla segretaria che lo pubblica sul web.  

In sintesi: la creatività ieri, oggi e per sempre, è stata, è e sarà TUTTO. 

3. Spia i tuoi clienti: loro sanno come comunicare

Conoscere il proprio pubblico è fondamentale. Ma tu guarda che scoperta che faccio!

E’ banale, ma è la cosa più vera e che sarà in futuro ciò che farà veramente la differenza. Il pubblico si aspetta che le aziende comunichino con loro nel modo in cui loro comunicano. Se aspettiamo che siano i clienti ad adattarsi a noi e al nostro modo di comunicare, non riusciremo mai a consegnare il nostro messaggio, ci tornerà indietro come un boomerang. 

via GIPHY

Un piccolo esempio? La voice search. La tecnologia che ci permette di effettuare ricerche tramite comandi vocali. Non digito ma parlo.

4. Automazione ma con un tocco di cura personale

Si, okey! Sono molto cool i bot con i quali “chattiamo”. Molte aziende hanno adottato sistemi che permettono di dialogare con sistemi automatici che danno risposte, aiuti, addirittura prendono appuntamenti per noi. Ma a volte, le persone hanno bisogno di parlare con qualcuno che sia in grado di dare un supporto umano ai propri quesiti e bisogni.

via GIPHY

Quindi quello che mi sento di consigliare è: si,  ben vengano questi nuovi sistemi automatizzati, ma non dimentichiamoci mai che il rapporto umano è imprescindibile. Per i clienti ci deve essere una porta aperta. Non trascuriamo mai il rapporto umano!

Per ora è tutto, linea allo studio.  

Share on
[elementor-template id="2758"]

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart